Il Mezzogiorno e lo sviluppo

Come si risolve il secolare problema dello sviluppo del Mezzogiorno d’Italia? Le ricette negli anni, nei decenni in verità, si sono sprecate. Con la riforma agraria, si disse un tempo, dando la terra a chi la lavora e rompendo il monopolio dei grandi imprenditori terrieri, che in realtà erano dei redditieri che non sfruttavano la terra e la lasciavano incolta e senza investimenti. Poi c’è stato il periodo dell’industrializzazione e dell’emigrazione: andate al Nord, andate all’estero, e chi resta camperà di rimesse e di piccola agricoltura, ma almeno il problema cronico della sovrappopolazione si risolve. L’emigrazione c’è stata, le campagne si sono spopolate, ma il sud d’Italia rimane arretrato.

Si è intervenuto poi con la Cassa del Mezzogiorno e i grandi investimenti. Le industrie del Nord e quelle straniere hanno aperto grandi fabbriche nelle città meridionali (a Napoli, a Taranto, a Siracusa, in Sardegna), approfittando di finanziamenti a fondo perduto, di agevolazioni fiscali, di mano d’opera a basso costo. Ma queste cattedrali nel deserto sono presto fallite, hanno incassato, hanno chiuso e hanno lasciato solo il deserto.

Ora la strada è un’altra, puntare al turismo e alla tecnologia. Il turismo è una risorsa che il Sud può sfruttare al meglio: non solo per gli aspetti paesaggistici e artistici, che sono all’altezza del resto del Paese (si pensi a regioni come la Sicilia e la Campania, ad esempio), non solo per le risorse ambientali, il mare innanzitutto, ma anche per la cultura materiale, che ha conservato maggior identità rispetto a zone più sviluppate del paese e che può vendere questa risorsa preziosa. Si pensi a quello che sta facendo il Salento con la taranta, e si vede quale strada si può intraprendere.

Ma c’è anche la tecnologia da considerare. Di solo mare e sole si può morire, se non c’è anche una possibilità di sviluppo legata alle nuove frontiere della tecnologia dell’informazione e della comunicazione. Qui ci sono barriere altissime che è inutile pensare di varcare (l’hardware informatico, le grandi applicazioni per il business/to/business), ma ci sono settori più aggredibili in cui si vedono alcuni campioni che possono essere studiati e copiati. Nel campo della vendita telefonica ci sono nel Sud die campioni, ad esempio Accueil, che è un’azienda calabrese non solo per residenza, ma anche per capitali e per management, che può rappresentare una best practice.